statistiche gratuite
Caricamento ...
Eccellente9,7
Appeal

Pantheon

Monumenti

a persona

2,00
  • Disponibile applicazione
  • Visite con guida
  • Audioguide
  • E' possibile prenotare
  • Visite con guida
  • Fruibile anche dai disabili

Descrizione

Il Pantheon (tempio di tutti gli dei, in greco)  è un monumento di epoca romana realizzato, tra il 25 e il 27 a.C., dall'architetto  Marco Vipsanio Agrippa, futuro genero di Augusto. Il tempio fu ricostruito e rimodellato dall'imperatore Adriano tra il 118 e il 125 d.C. e successivamente trasformato in chiesa con il nome di Santa Maria ad Martyres (609 d.C.).

Il tempio è diviso in tre parti: il pronao, l’avancorpo e una parte detta "rotonda". Questa sorregge un'enorme cupola in cui è presente, nella parte centrale, un enorme foro. Sul lato d'ingresso troviamo un colonnato esterno di 16 colonne e 4 pilastri che delimitano un pronao il cui spazio è diviso in tre navate. Fra il pronao e il corpo cilindrico troviamo un avancorpo in cui si trova un maestoso portone bronzeo che delimita l'ingresso al tempio. Il portone più volte restaurato si pensa sia quello originale d'epoca adrianea. La parte cilindrica è la parte più grande e rappresenta il perimetro dell'area interna del tempio, la rotonda. La volta della rotonda è costituita da un enorme cupola, in cui si apre il famoso foro centrale detto "oculo". La cupola è la più grande esistente al mondo in calcestruzzo non armato, con ben 5.000 tonnellate di peso e 43,44 metri di diametro. La più grande e maestosa fra quelle antiche.

 

 

L'interno

L’interno della chiesa si presenta con una forma che, secondo Adriano, doveva rappresentare il globo terrestre e la sfera celeste. Nella parte inferiore della cella cilindrica, frontalmente all'ingresso, si trova l'abside  fiancheggiata da due colonne sporgenti. A i lati, invece, si aprono sei ampie nicchie, tre per lato. Queste nicchie, che ospitano alcune tombe,  sono supportate nella parte anteriore da due colonne centrali e due pilastri laterali. Nel 608 d.C. Papa Bonifacio IV vi fece custodire le ossa di numerosi martiri cristiani. Oggi il Pantheon conserva le tombe dei due primi re d'Italia, Vittorio Emanuele II e suo figlio Umberto I, nonché quelle di pittori illustri come Annibale Carracci e il grande Raffaello che volle essere sepolto qui. Tra le altre tombe anche quella del musicista Arcangelo Corelli e dell'architetto Baldassarre Peruzzi.

Nella volta, oltre lo stupendo foro centrale,  desta attenzione anche il soffitto a cassettoni della cupola, che via via diventano più piccoli sino all'occhio centrale. Particolare è il pavimento leggermente convesso per far defluire l'acqua piovana che entra dall'oculo.



Indirizzo

Piazza della Rotonda
00186 Roma (RM)
0668300230 - 3478205204 Sito WEB

Orari (Adesso Aperto)

Normalmente aperto con i seguenti orari:
Lunedì 09:00-19:30
Martedì 09:00-19:30
Mercoledì 09:00-19:30
Giovedì 09:00-19:30
Venerdì 09:00-19:30
Sabato 09:00-19:30
Domenica 09:00-18:00